3 APP per lavorare all’estero

Quando iniziamo a ricercare nuove opportunità di lavoro e business all’estero perdiamo ore ed ore su Facebook, LinkedIn, blog e piattaforme web varie.

Nella maggior parte dei casi ci stanchiamo di ricercare dopo poco tempo ed è successo a tutti noi di non ottenere grandi risultati. Quindi alla fine lasciamo perdere.

Il nostro smartphone e i big data, però, possono aiutarci a scegliere i migliori paesi oltre ad incontrare persone e professionisti che rientrano nel nostro target di ricerca.

 

 

Shapr, l’ho scoperta un anno fa. È un’app di networking nata in Francia e da 3 mesi sono anche a NY.

Avete presente Tinder? Funziona esattamente allo stesso modo solo che trovate professionisti vicini alla vostra geolocalizzazione e quando vi registrate lo fate con il vostro profilo LinkedIn, importando i vostri dati sull’app.

Una volta entrati, il gioco è semplice: Fate capire se siete interessati a prendere un caffè o semplicemente ad una chiamata su Skype e alla fine inserite che tipo di professionisti state cercando.

Il gioco poi è molto semplice, Shapr vi permetterà di scegliere queste persone con uno swipe e di contattarli tramite una live chat integrata.

Teleport è il modo migliore per capirvi dove trasferirvi all’estero: è un’ app estone di big data che vi permette di capire quali sono i paesi migliori per voi in base a quello che state cercando.

Facciamo un esempio: sto cercando di trasferirmi in un paese dove c’è bassa criminalità, poco traffico, tante aziende ed il costo della vita non è alto.

In pochi secondi avrete un matching perfetto con i migliori 30 paesi e sopratutto vi dirà il perchè e quanto vi costerà.

Super consigliata anche per le famiglie che si stanno spostando all’estero per lavoro

L’ultima è pensata per i nomadi digitali e per chi lavora in remoto in diversi paesi.

Nomad List, costa una miseria al mese ed è fantastica se state cercando persone e altri professionisti come voi che stanno andando in una determinata città.

Inoltre, vi permette di cercare casa, offerte lavoro e anche in questo caso, secondo i dati che inserirete, le città migliori per poter lavorare come nomade digitale.

Ultimo consiglio: utilizzate queste 3 app anche se andate all’estero per vacanza, conoscerete tante persone interessanti.

Scaricatele, provatele, contattate queste persone e se vi va fateci sapere se vi sono piaciute

Potrebbero interessarti

La rivoluzione del mercato del lavoro in Europa ra... Dopo la Brexit, la cartina geografica del mercato del lavoro in Europa è nuovamente cambiata ma c'è ancora tanta incertezza su quello che accadrà nel ...
È nato il primo corso E-learning sulla ricerca lav... È possibile nel 2018 trovare nuove opportunità di lavoro tramite strategie di ricerca digitali? Secondo LinkedIn, Glassdoor e Indeed non abbiamo ma...
“Le persone sono le nostre prime opportunità” R... La prima volta che ho letto le risposte di Osvaldo alle domande di questa intervista ho ripreso l'evidenziatore: non ricordo qual è stata l'ultima vol...
Ecco cosa dovresti fare (ora) su LinkedIn se hai 2... Entro il 2018, quasi sicuramente LinkedIn supererà la quota di 600 milioni di iscritti. Nel frattempo, una domanda mi sorge spontanea: se avessi di fr...