Come cambierà il lavoro secondo LinkedIn?

A fine ottobre LinkedIn ha organizzato il suo ottavo Talent Connect, un bellissimo evento che riunisce tanti Recruiter da tutto il mondo.

Sul palco a parlare è salito anche Jeff Weiner e ha condiviso con tutti il suo punto di vista su come cambierà il mondo del lavoro nei prossimi anni.

Provo a farvi un piccolo riassunto perché quello che ha detto è dannatamente semplice e vero.

Per lui il cambiamento del mercato del lavoro ha 3 basi: Intelligenza artificiale, Skill Gap e Lavoratori Indipendenti

Partiamo dal primo: Intelligenza artificiale

I primi 4 settori che subiranno il cambiamento maggiore sono manufacturing, retail, turismo e ristorazione. In America il 50% di questi settori sono stati già automatizzati completamente.

Secondo punto: Skills Gaps

In questo momento solo in America ci sono 6 milioni di offerte lavoro che non trovano i giusti candidati ma allo stesso tempo 7 milioni di americani sono disoccupati e 14 milioni sono in cerca di lavoro.

Il suo è stato un piccolo esempio per dirci che il più grande problema non è quali saranno le figure professionali del futuro ma come poter curare nel presente tutte quelle persone che si trovano già fuori dal mercato del lavoro.

Terzo punto: Lavoratori Indipendenti

Entro il 2025, il 75% della forza lavoro sarà rappresentata dai ragazzi nati tra gli anni 90 e 2000.

Indovinate un pò cosa vorranno queste persone secondo le ricerche di LinkedIn?

Soldi? Sbagliato. Al primo posto c’è la possibilità di lavorare da remoto e al secondo posto la crescita formativa all’interno di un’azienda.

Weiner ha aggiunto che molte aziende si trasformeranno per lavorare sempre di più in remoto, come verranno trasformati gli stessi contratti di lavoro perché saranno sempre più flessibili.

Sono un Recruiter specializzato in Tech e Social Recruiting e amo lavorare nel settore della formazione. Insieme a Lacerba abbiamo costruito la prima Masterclass E-Learning sulla Ricerca Lavoro Online. Lavoro come Consulente per diverse aziende nel settore HR & Recruitment per lo sviluppo di strategie di Outbound Recruiting ma la felicità più grande è data dalla ricerca di storie di professionisti ed aziende che nel 2019 saranno in un unico libro. Soffro della sindrome di Wanderlust da circa 10 anni. Ci vediamo su LinkedIn!

Potrebbero interessarti

Besourcer è il nuovo partner italiano di ZipRecrui... Non potevamo iniziare il 2018 in un modo migliore: Besourcer è il nuovo partner italiano di ZipRecruiter, piattaforma americana di ricerca lavoro e pr...
The Story of Europe Language Jobs, favourite job b... We often meet many men and women who have created or are thinking about creating their own company. Many of them do it because they are driven by intu...
Da Ostia a Barcellona per lavorare come HR Manager... La storia di Valerio Rossi, viaggiatore instancabile Prima di partire per la Spagna, direzione Barcellona, per un lavoro che in Italia non aveva mai ...
Jacopo Mele, un ricercatore digitale che non smett... Ci sono tanti modi di fare un viaggio: scoprire storie di professionisti che, ogni giorno, cercano di fare del loro meglio per creare qualcosa di nuov...